Sabadì e il cioccolato per birra Baladin

Share

Prendete sei birre classiche della linea Baladin, unitele alla bontà del cioccolato di Modica, mischiate il tutto insieme alla passione e alla genialità di Teo Musso di Baladin e Simone Sabaini, deus ex machina dell’azienda di Modica, e avrete come risultato eccezionale le KIKKE BALADIN!

Mercoledì 28 gennaio ho avuto la fortuna di partecipare alla conferenza stampa “Sabadì e il cioccolato per birra Baladin” nella quale sono state presentate le, già citate, kikke Baladin: sei gustosissimi cioccolatini creati appositamente da abbinare alle sei birre Baladin della linea classica.
Nascono così le dolcezze ISAAC – WAYAN –  NORA –  SUPER – LEÖN –  ELIXIR, ognuno
creato per essere abbinato alla birra di cui porta il nome e che io ho avuto il piacere di assaggiare 🙂

Ad accoglierci una speciale tavola con già pronti  6 calici e i rispettivi cioccolatini

L’idea di creare questi cioccolatini nasce da un viaggio a Modica di Teo Musso nel quale incontra Simone Sabaini e decidono di affrontare insieme questa nuova sfida creando una novità assoluta nello scenario delle birre, non tanto per l’abbinamento Birra e cioccolato, quanto per la realizzazione di una “gamma” di cioccolatini creati ad hoc per specifiche birre: un vero viaggio alla ricerca di ingredienti e sapori da accostare a birre dal gusto particolare e ricercato.

Premetto: non sono un’esperta né di birra né di cioccolato. Riporterò, quindi, soltanto quello che ho assaggiato senza perdermi in considerazioni personali perché potrebbero ridursi a”buonissimo”, “eccezionale” ecc. non dando, quindi, il vero rispetto al meticoloso lavoro di ingegno che ci sta alle spalle.

 

  1. Isaac: birra bianca dal profumo di lievito ed agrumi che vanno a perdersi in armonie speziate di coriandolo e arance sbucciate, accostata a un cioccolato che richiama il sapore degli agrumi grazie all’unione della pasta amara di cacao con le scorzette di mandarino e limone.
  2. Wayan: birra saison ai 5 cereali (orzo, farro, frumento, segale e grano saraceno), 9 spezie di cui 5 tipi di pepe, accostata a un cioccolato dove non poteva mancare il sapore del pepe, bianco in questo caso, esaltato dal sapore speziato del cardamomo.
  3. Nora: birra egizia che si rifà alla storia antica di nomadi e piramidi caratterizzata dagli aromi orientali, zenzero e agrumi, accostata a un cioccolato al sapore di zenzero e caffè.
  4. Super: birra ambrata ispirata alle birre d’abbazia che profuma di frutti tropicali, banana e marzapane e che lascia un ricordo di frutta secca e aromi di mandorla, abbinata a un cioccolato dalla consistenza sabbiosa dovuta alla presenza dello zucchero da fiori di palma di cocco.
  5. Leon: birra bruna caratterizzata dalle note di cioccolato che si mescolano con profumi di frutta secca, liquirizia e toffee, accostata a un cioccolato dal gusto intenso e dal retrogusto di liquirizia.
  6. Elixir: birra demi-sec nasce da lieviti utilizzati per gli “islay Whisky” ed offre note di frutta e di caramello, abbinata a un cioccolato dal gusto frizzante al peperoncino.

 

Che dire? Sicuramente sono uscita dalla conferenza stampa più allegra di quando sono entrata visto che oltre al colore più intenso della birra corrispondeva anche un aumento del grado alcolico 🙂
Battute a parte, ho passato davvero un meraviglioso pomeriggio e penso che l’esperimento sia riuscito a pieno. Complimenti!  Se devo dare un giudizio, per me vince Isaac seguito da Super.

Consiglio vivamente a tutti di provare questa combinazione di sapori anche perché, parlando venalmente, le scatoline di “napolitanes” costano appena €3.50 e sono davvero belle da vedere. Se poi volete, anzi dovete, abbinarci la birra farete sicuramente un figurone.

 Se vi è piaciuto il mio post ditemelo con un commento (qui sotto) o semplicemente con un like 🙂

 

About the Author: Martina Paola Gambini

Molti mi conoscono sul web come Economino . Non posso definirmi un'esperta di Food ma amo mangiare, tanto che dal 2011 sono autrice del blog "Recensioni Gustose" nel quale recensisco locali e ristoranti principalmente di Milano, ma anche d'Italia e Mondo. Grazie al mio blog, che mi ha fatto mettere su 10 kg, ho avuto l'opportunità di provare in anteprima ristoranti milanesi e di partecipare ad importanti eventi "gustosi" e non. Nella vita, oltre ad essere una squattrinata perenne, mi occupo di web marketing per la web agency Engame di Milano. Dal 2016 sono caporedattore di Honest Cooking Italia.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *